FOCUS HAITI: come sta il Paese più povero delle Americhe?

di Dario Urselli

 

PRIMO SORSO

1. HAITI, UNA REGIONE INSTABILE, UN PAESE POVERO

Gennaio 2010, un terremoto di magnitudo 7.0 provoca solo ad Haiti un numero di vittime stimate tra 222mila e 316mila; ottobre 2016, un uragano di categoria 5, chiamato Matthew, provoca 603 vittime delle quali 546 ad Haiti; settembre 2017, un uragano di categoria 5 con venti fino a 295 km/h, chiamato Irma, provoca effetti devastanti sull’intera area caraibica. Così, a Port-au-Prince, la capitale di Haiti, come anche nelle aree più interne, i quasi undici milioni di haitiani vivono una perenne crisi umanitaria che rende il piccolo paese il più povero delle Americhe.

 

Più della metà della popolazione vive con meno 2,4 dollari al giorno e un altro 25% vive addirittura sotto la soglia di povertà estrema con 1,2 dollari al giorno, per un totale complessivo di circa 8 milioni di poveri. I ripetuti disastri ambientali hanno messo in ginocchio il fragile sistema agricolo nazionale; risulta difficile trovare il cibo per l’alimentazione di base e metà della popolazione non ha accesso all’acqua potabile. In queste condizioni, tra emergenza abitativa, malnutrizione e carenza di pratiche igieniche, un bambino su dieci non arriva a compiere 5 anni.