Carl Brave x Franco 126 – Argentario – Video e Testo

https://youtu.be/Fa7CfIFkmXA

 

Ooh ooh ooh

 

 

Hanno lasciato aperto al quarto piano l'ascensore

Salgo le scale a due a due di prescia col fiatone

Hanno il cornicione della pizza nel cartone

Hanno fatto i baffi alla modella su quel cartellone

Ho detto tante cazzate che ho battuto tutti i record (oh oh)

In tasca il tuo accendino e mi hai detto "Si chiama Pietro" (ehi)

Siamo finiti contro un cedro con la station wagon (che?)

E le gocce di pioggia si rincorrono sul viso

E io qui che ci faccio, che poi vorrei tutt'altro

E poi c'è troppo chiasso, 'sto drink è tutto ghiaccio (aah)

Abbiamo corso troppo e forse io non stavo al passo

Mi hai urlato ogni rimpianto

Ma più che un grido sembrava un pianto (aah)

Lo so ti ho detto una bugia ma era sincera (ah ah)

E so che non lo pensi che è una cattiveria (ah ah)

Mi bevo a grossi sorsi 'sto sabato sera (ah ah)

Te l'ho giurato a dita incrociate dietro la schiena (ah ah)

 

 

Oh oh oh oh

Sei in testa come un pezzo in radio

Oh oh oh oh

Mi accendo una ciospa al contrario

Oh oh oh oh

Noi che non siamo mai in orario

Oh oh oh oh

E sei scappata all'Argentario

 

 

Che zella abbiamo messo sotto un gatto nero a Ostia (ehi)

Ero ustionato cotto al sole come un'aragosta (ehi)

C'è il suo ex che ancora le fa le poste (eh)

La avviso fingendo colpi di tosse (coff coff)

Due tossici mi fermano in una piazza vuota (yeah)

Mi chiedono una firma per dire di no alla droga

Tu eri nervosa hai detto: ''Bah, ora faccio yoga''

E m'hai strillato tutto contro che mo' c'hai la voce roca (eeh)

In tv Banderas con Rosita, in tasca Morositas

E stai davanti a me ma lo sento che ormai sei ita

E t'ho promesso una vita da Costa Rica

Fermi sul lungotevere a partita finita (via)

Rido alla battuta tua anche se non l'ho capita (ahah)

Nella sabbia una siringa e un guscio di tellina (eh eh)

Da un bacio rubato siamo stati vita (e poi?)

Vicini di rubrica nell'iPhone della tua amica

 

 

Oh oh oh oh

Sei in testa come un pezzo in radio

Oh oh oh oh

Mi accendo una ciospa al contrario

Oh oh oh oh

Noi che non siamo mai in orario

Oh oh oh oh

E sei scappata all'Argentario

 

 

Ora no, non mi va, parla tu, non dico ah

Se vuoi vai, resto qua, troppi drink, patatrac

Auto-stop, e si va, dici vai, resto qua

Sei andata via in un bonsoir

A fior di pelle il nostro DNA

 

 

Oh oh oh oh

Sei in testa come un pezzo in radio

Oh oh oh oh

Mi accendo una ciospa al contrario

Oh oh oh oh

Noi che non siamo mai in orario

Oh oh oh oh
E sei scappata all'Argentario