Disastri climatici, Sovraffollamento, Nanotecnologie, Immortalità, Aspettativa di vita, Medicina, Hotel spaziali, Vetture autonome, Vestiti intelligenti, ...
I probabili Eventi che si verificheranno nei prossimi anni.

Prima del 2100 assisteremo molto probabilmente ad una serie di cambiamenti epocali. Ecco alcuni degli Eventi che potrebbero verificarsi di qui a breve.

Come potrà cambiare la nostra vita e il mondo intero entro la fine del XXI secolo? Dal cibo al clima dei mari e robot, al sovraffollamento e disastri naturali.

Ma non è detto che tutto sia negativo: la medicina e la ricerca allungheranno la durata media della vita. Tutto sarà più immediato e comodo; si parla di una nuova rivoluzione industriale, ma c'è chi prevede una catastrofe. Ecco quindi quali saranno i principali cambiamenti da qui al 2100.

Uno dei settori che subirà un grande sviluppo sarà senza dubbio quello della medicina: le idee sono tante, molte delle quali già in fase avanzata di sperimentazione. Tra queste abbiamo la nanomedicina, un sogno che tra poco diventerà realtà: questa consiste nell'applicazione delle nanotecnologie in campo medico, ed è una strada estremamente promettente nella direzione della medicina sempre più personalizzata ed efficace.

Diverse compagnie spaziali, compresa la NASA, nutrono grandi progetti per le future incursioni nel cosmo: l'obiettivo è quello di realizzare hotel nello spazio, a due passi dalla ISS, in grado di ospitare turisti spaziali. L'hotel orbitale potrebbe anche alloggiare equipaggi in attesa di approdare nella ISS. O ricercatori che necessitano di compiere esperimenti in assenza di gravità. Questi hotel saranno dotati di tutti i confort e sicuramente di una vista spettacolare.

Nel giro di qualche anno i dispositivi indossabili come smartwatch, cuffiette, ma anche i cellulari, saranno destinati a scomparire: questi saranno assorbiti dagli abiti che indosseremo quotidianamente: giacche, giubbotti, maglie della salute e calzini sono destinati a diventare sempre più smart e inglobare tutti quei dispositivi che oggi invece teniamo nei polsi o nelle tasche. Sensori sempre più piccoli e flessibili saranno implementati direttamente nel tessuto, rendendo i dispositivi indossabili perfino in grado di regolare la temperatura. Grazie all'intervento della nanotecnologia, nel mercato verranno introdotte le nanofibre; i capi d'abbigliamento non si consumeranno più e si adatteranno all'ambiente circostante. Entro la fine di questo secolo si avrà all'alba dell'era dell'intelligenza artificiale.

I progressi nella tecnologia, in particolar modo l'avanzamento della ricerca sull'intelligenza artificiale, hanno aperto nuovi mercati e nuove opportunità in aree quali la sanità, l'istruzione, l'energia e l'ambiente. Ad oggi però viene ancora ritenuto molto improbabile che le macchine disporranno di intelligenza paragonabile o perfino superiore a quella degli esseri umani. Poco probabile ma non impossibile: impossibile è un termine che la scienza non riconosce. Questa è una sfida fantascientifica: se un giorno la scienza sarà davvero in grado di realizzare robot super intelligenti, questi cambieranno notevolmente la nostra vita, rendendola sicuramente molto più semplice. Nel prossimo secolo potremmo perfino vedere esseri umani e robot vivere insieme.

Probabilmente, o almeno secondo alcuni, l'immortalità umana potrebbe venir garantita dai robot. Sia che il cervello umano venga impiantato in una macchina, sia che alcune parti malate del corpo vengono sostituite, l'uomo potrebbe riuscire a garantirsi la longevità grazie alle macchine. La morte, dunque, da un evento inevitabile potrebbe divenire sempre più rara.

Che ne dite di tornare sulla Luna? La prossima tappa dell'esplorazione spaziale, dopo le esperienze della ISS, prevede molto di più. L'agenzia spaziale europea ha un nuovo obiettivo: costruire una base permanente sulla Luna. Oggi la Luna continua ad essere al centro di ambiziose ricerche: l'obiettivo è quello di costruire una base internazionale. E' un sogno animato dalla stessa passione che ha portato il primo uomo sulla Luna. Certo, finora nessuno ha mai realizzato un progetto simile; sicuramente però dalle missioni spaziali Apollo sono stati fatti passi da gigante. L'idea di una stazione sulla Luna, o perfino di un villaggio lunare, rientra nel progetto globale destinato a sostituire la ISS e dovrebbe essere un grande laboratorio per sviluppare nuove tecnologie. Si ipotizza inoltre che questa base futuristica sarà completa entro il 2050.

Nel futuro ci potremo sicuramente aspettare un inarrestabile incremento della popolazione mondiale: alcuni ricercatori prevedono che nel 2030 sulla Terra ci saranno 1 miliardo di persone in più. Nel 2050 saremo 9,8 miliardi e la crescita continuerà fino a sfondare il muro degli 11 miliardi nel 2100. Secondo diversi studi la popolazione continuerà a crescere ad una media di 83 milioni di persone all'anno, nonostante il previsto calo di fertilità. Entro il 2024 l'India sorpasserà la Cina e diventerà, con oltre 1,5 miliardi di abitanti, il paese più popoloso al mondo. La crescita demografica non riguarderà l'Italia, dove al contrario ci sarà un progressivo calo della popolazione: si passerà dagli oltre 59 milioni di abitanti di oggi a circa 55 milioni nel 1050 fino a 47,8 milioni nel 2100.

Al momento la vita media in Italia è poco superiore agli 80 anni, ma per il 2100 si prevede un'aspettativa di vita media di ben 95 anni. L'Italia quindi continuerà ad essere uno dei paesi più longevi al mondo, con un'aspettativa di vita superiore alla media europea.

Tutto ciò sembra molto promettente per il futuro della nostra civiltà, ma purtroppo il futuro non sarà tutto rose e fiori: un fenomeno che causerà gravi danni e che segnerà il destino del mondo intero sarà il riscaldamento globale. Questo fenomeno sconvolgerà il nostro pianeta, causando intemperie estreme come uragani, inondazioni, siccità e alluvioni. Un recente studio prevede che fino a 5.500 chilometri quadrati di pianure costiere potrebbero finire sotto l'acqua, rivelando un'Italia di fine secolo molto diversa da quella che conosciamo. Nel resto del mondo miliardi di persone che vivono vicino alle coste saranno costrette ad abbandonare la propria casa.

Gli scenari pessimisti non mancano: la sorte della Terra potrebbe essere già segnata, a meno che le tecnologie moderne non permettano di evitare il peggio.

Che vi piaccia o meno, per il momento la Terra è dove ci giochiamo le nostre carte. Deve essere responsabilità di tutti noi preservare e proteggere il nostro pallido punto blu. L'unica casa che abbiamo mai conosciuto.

https://youtu.be/rJbM3qFTAwk

→ Prestigio | Canale YouTube ←