Il mistero della morte di Kurt Cobain

La scomparsa di Kurt Cobain è sempre stata avvolta da un fitto alone di mistero. Quale sarà la verità? Ecco la teoria che per molto tempo ha fatto il giro del mondo.

#Misteri
#KurtCobain

L'argomento di oggi è inerente la morte di Kurt Cobain, uno dei misteri più grandi del mondo della musica. La versione ufficiale fa acqua da tutte le parti e sembra quasi impossibile che nessuno abbia voluto investigare più a fondo il caso. Eppure esistono delle prove che sembrano smentire categoricamente quello che c'è stato detto, ossia che Kurt si sia tolto la vita.

Prima di iniziare è necessario fare una premessa. Quella che vi racconterò è una semplice teoria, che solo un tribunale potrebbe confermare o smentire. Io ve la riporterò esattamente come è stata esposta ed elaborata da coloro che hanno studiato il caso. Alla fine vi dirò cosa ne penso io.

Ecco quindi: Il mistero della scomparsa di Kurt Cobain
Cobain e il suo gruppo Nirvana, sono riusciti a trasformare la musica popolare negli anni '90. La canzone “Smells like teen spirit”, segnò un cambiamento radicale della scena musicale della sua epoca, aprendo la strada al rock alternativo e diventando una sorta di inno per la generazione X. Nel 2003, la rivista Rolling Stone attribuì a Kurt Cobain il 12° posto dei 100 chitarristi più grandi di tutti i tempi e il 45° posto dei cantanti più famosi della storia. Insomma, Kurt ha fatto la storia della musica.

L'8 aprile del 1994 però, la sua carriera arrivò al capolinea. In quella data un impiegato dell'impresa Veca Electric, si recò a casa sua per installare un sistema di sicurezza e trovò il corpo del cantante riverso sul pavimento, in una stanza sopra il garage. Dapprima pensò si trattasse di un manichino, poi capì che si trattava del cantante. Vicino a lui la era presente un fucile e in un vaso di fiori una lettera.

Ecco i passaggi più importanti di questo messaggio:
Vi parlo dal punto di vista di un sempliciotto un po' vissuto, che preferirebbe essere uno snervante bimbo lamentoso. Questa lettera dovrebbe essere abbastanza semplice da capire. Tutti gli avvertimenti della scuola base del punk rock, che mi sono stati dati nel corso degli anni, ai miei esordi, l'etica dell'indipendenza ed abbracciare la vostra comunità, si sono rivelati esatti. Io non provo più emozioni nell'ascoltare musica e nemmeno nel crearla e nel leggere e nello scrivere, da troppi anni ormai. A volte mi sento come se dovessi timbrare il cartellino ogni volta che salgo sul palco. Ho una moglie divina che trasuda ambizione ed empatia e una figlia che mi ricorda troppo di quando ero come lei, piena d'amore e gioia. Bacia tutte le persone che incontra, perché tutti sono buoni e nessuno può farle del male e questo mi terrorizza a tal punto, che perdo le mie funzioni vitali. Non posso sopportare l'idea che Frances diventi una miserabile, autodistruttiva rocker come me. É andata bene, molto bene durante questi anni e ne sono grato, ma è dall'età di 7 anni, che sono avverso al genere umano, solo perché a tutti sembra così facile tirare avanti ed essere empatici. Penso sia solo perché io amo troppo e mi rammarico troppo per la gente. Grazie a tutti voi dal fondo del mio bruciante, nauseato stomaco, per le vostre lettere e supporto che mi avete dato negli anni passati. Io sono un bambino incostante, lunatico e non ho più nessuna emozione. E ricordate che è meglio bruciare in fretta, che spegnersi lentamente. Pace, amore, empatia. Kurt Cobain. Frances e Courtney, sarò al vostro altare. Ti prego Courtney continua così per Frances. Perché la sua vita sarà molto più felice senza di me. Vi amo. Vi amo”.

Un suicidio quindi. Più chiaro di così non poteva essere. Ma le indagini avrebbero rivelato delle evidenti incongruenze con questa versione. Innanzitutto, l'autopsia rivelò che nel sangue di Kurt era presente una dose di eroina, tre volte maggiore rispetto a quella letale. I medici affermarono che quella dose avrebbe messo KO chiunque, facendolo entrare in uno stato di coma. Quindi Kurt non avrebbe potuto premere il grilletto del fucile, con cui si sarebbe ucciso. Altra incongruenza, fu il fatto che la polizia, non trovo nessuna impronta digitale sull'arma e neppure sulla penna che presumibilmente, il cantante avrebbe utilizzato per scrivere la lettera. Oltre a questo, esistono prove che qualcuno cercò di utilizzare la carta di credito di Cobain, dopo il suo decesso. L'ultima volta proprio la mattina dell'8 aprile.

Il medico forense stabilì che il decesso avvenne il 5 aprile. Chi avrebbe cercato di accedere al denaro di Kurt, dopo la sua scomparsa? Il responsabile non fu mai scoperto. Poi, ecco una rivelazione sorprendente, che puntava il dito contro la persona più vicina al cantante. Quella che nessuno fino a quel momento si sarebbe sognato di accusare: sua moglie Courtney Love.

Eldon Hoke, cantante della band “The Mentors”, affermò che nel 1993 Courtney, gli aveva offerto 50.000 dollari, per assassinare suo marito. Dapprima nessuno gli credette, quindi Eldon si sottopose al test della macchina della verità, superandolo con una percentuale del 99,7%. Il test venne portato a termine da Edward Gelb, uno dei più grandi esperti di questa prova, negli Stati Uniti. Quello che stava raccontando Eldon era vero, tuttavia questo tipo di test, non costituisce una prova definitiva della sincerità di una persona e la sua testimonianza non venne presa in considerazione.

Ma perché mai Courtney avrebbe voluto far uscire Kurt di scena?
La risposta è molto semplice. La coppia stava vivendo dei problemi molto gravi. Esistono prove del fatto che Kurt, voleva porre fine alla relazione e di chiedere la custodia della loro figlia Frances. Allo stesso tempo, voleva cambiare il suo testamento ed escludere la consorte dai beneficiari dello stesso. Gli amici di Kurt, affermarono anche che la moglie del cantante aveva fatto girare la voce che suo marito volesse togliersi la vita. Lo aveva detto addirittura alla stampa.

Un fatto che lo stesso Kurt, smentì in più occasioni, anche di fronte a medici e psicologi, settimane prima del tragico evento. La morte improvvisa del cantante, avrebbe evitato che portasse a termine i suoi piani e la fortuna di Courtney, sarebbe rimasta salva. Sarebbe bastato organizzare una messa in scena e far passare l'omicidio per suicidio, quindi la teoria del complotto, sembra avere senso.

Ma se le prove apportate fino a questo momento, non fossero sufficienti per farvi venire il dubbio, eccovene delle altre.
Il medico forense, che firmò il documento, che attestava che Kurt si era suicidato, era Nikolas Hartshorne, che in seguito si scoprì essere un grande amico di Courtney. Il fucile che Kurt avrebbe usato per togliersi la vita, venne distrutto poco dopo il ritrovamento del corpo, rendendo impossibile approfondire le indagini. 23 fotografie del corpo di Kurt, scattate dalla polizia, scomparvero misteriosamente, così come un video girato proprio l'8 di aprile, nella stanza sopra il garage. Anche questo fatto, rese molto più difficile l'investigazione. Per ultimo, Courtney richiese la cremazione del corpo di marito, pochissimo tempo dopo la sua morte, rendendo impossibile effettuare una nuova autopsia o la raccolta di ulteriori prove.

Tutto questo ebbe una conseguenza chiara. La testimonianza più importante fu quella fornita dal rapporto della prima autopsia, quello firmato dall'amico di Courtney. Kurt si sarebbe tolto la vita e nulla di più e così il caso è stato archiviato.

Non c'è dubbio che i fatti che sono stati presentati, per smentire la versione ufficiale, facciano riflettere. È chiaro che le indagini sono state condotte con troppa leggerezza e tralasciando particolari importantissimi. Infatti, sembra davvero assurdo che non si sia approfondito maggiormente il caso. É pur vero però, che l'impossibilità di raccogliere delle prove concrete a sostegno di una teoria, ha come conseguenza principale, quella di lasciarla da parte. Le supposizioni non servono a nulla se non sei in grado da apportare le prove. Questo non significa però, che non si possa mettere in dubbio una versione dei fatti che appare decisamente controversa.

Per concludere.
Credo che Kurt si sia tolto la vita?
Direi proprio di no.
Credo che sia colpa di Courtney Love?
Anche questo non lo posso affermare con certezza.

Certo, se tutto quello che è stato detto è vero, avrebbe avuto delle ottime ragioni per far uscire il marito di scena. Ma come già detto, il tutto deve essere confermato da delle verifiche che, al giorno d'oggi non è più possibile effettuare.

Video Il mistero della scomparsa di Kurt Cobain by L'Inspiegabile
https://youtu.be/IlYXIsbdgZg