Questo è ciò che succede quando rispondi a una email spam | James Veitch

E-mail sospette: assicurazioni non riscosse, cassette di sicurezza incrostate di diamanti, amici intimi abbandonati in un paese straniero. Si aprono nelle nostre caselle di posta e la procedura standard è quella di eliminare a vista. Ma cosa succede quando rispondi? 

Lo scrittore e comico James Veitch narra di uno scambio esilarante di mesi con uno spammer che si è offerto di proporgli un affare a cui era impossibile dire di no... Oro!!!

https://youtu.be/_QdPW8JrYzQ

http://www.ted.com

https://www.youtube.com/TED

TraduttoreAlessandro D'Onofrio
RevisoreJacqueline Molho

Qualche anno fa ho ricevuto uno di quei messaggi spam. Aveva aggirato il mio filtro antispam, e l'ho trovata, non so bene come, nella Posta in arrivo. L'autore era un tipo che si chiamava Solomon Odonkoh. (Risate) Già. (Risate)

Ecco com'è andata: Esordì con: "Salve, James Veitch, ho un interessante affare di cui vorrei parlare con lei. Solomon."

Beh, praticamente avevo già il dito sul pulsante "Cancella", perché l'ho aperta dal telefono. Potevo cancellarla e basta. Oppure... potevo fare quello che credo ognuno di noi ha sempre voluto fare. (Risate) E ho risposto: "Solomon, mi hai incuriosito." (Risate) (Applausi) E così sono iniziati i giochi.

Ha risposto: "Caro James Veitch, ti invieremo dell'Oro." (Risate) "Tu avrai il 10% di tutto l'oro distribuito." (Risate) A quel punto sapevo di trattare con un professionista. (Risate)

Gli faccio: "Di quanto stiamo parlando?"

E lui: "Inizieremo con una piccola quantità"... E io già pensavo,... E poi lui dice: "... di 25 kg. (Risate) Il valore dovrebbe corrispondere a circa 2,5 milioni di dollari."

Ho risposto: "Solomon, se si fa, facciamo le cose in grande." (Applausi) Posso gestirlo. Quanto oro hai?" (Risate)

Lui: "Non è questione di quanto oro ho o non ho, ma di quanto tu riesci a gestirne. Possiamo iniziare con 50 kg, è una prova.

Dico: "50 kg? E allora non ne vale la pena, almeno che tu non me me invii almeno una tonnellata." (Risate) (Applausi)

Lui risponde: "Che lavoro fai?" (Risate)

E io: " Direttore di banca, mi occupo di fondi hedge." (Risate) Non è mica la prima volta che vedo un lingotto. No, no, no. Mi è preso il panico. Gli faccio: "Dove si trova la vostra sede? Non so da dove operate, ma se usate le Poste dovete firmare. È un sacco d'oro."

Lui ha detto: "Sarà difficile convincere la mia società a spedire una quantità maggiore."

E io: "Su questo sono d'accordo, Solomon. Sto elaborando un grafico da portare alla riunione del consiglio. Tieni duro." (Risate) Ecco cosa gli ho inviato. (Risate)

y=Quantità di oro; x=Benessere] (Applausi)

Non so se abbiamo degli statistici in sala, ma di sicuro funziona. (Risate)

Scrivo: "Solomon, allego a questa mail un grafico che spero troverai utile. Ho fatto fare un paio di conti a un mio assistente. (Risate) Siamo pronti a ricevere quanto più oro possibile.

C'è sempre un momento in cui fanno leva sui sentimenti, e così ha fatto Solomon. Ha detto: "Se l'affare va in porto ne sarò lusingato, poiché così anch'io prenderò una bella commissione."

E io: "Meraviglioso! Come intendi spendere la tua parte?"

E lui: "Mercato Immobiliare, e tu?"

Ci ho pensato a lungo. E ho risposto: "Una parola: Hummus." (Risate) "Sarà un successone. (Risate) Ero da Sainsbury's, l'altro ieri, e ce n'erano qualcosa come 30 tipi diversi. E poi puoi tagliare delle carote e tuffarcele dentro. L'hai mai provato, Solomon?" (Risate)

Lui: "Ora devo andare a letto." (Risate) (Applausi) "Fino a domattina. Sogni d'oro."

Non sapevo cosa dire! E quindi: "Bonsoir, mia pepita d'oro, bonsoir." (Risate) Dovete capire che il tutto è andato avanti per settimane - ad oggi le settimane migliori della mia vita - ma dovevo darci un taglio. Mi stava sfuggendo di mano.

Gli amici dicevano: "Ci beviamo una cosa?" E io dicevo: "Non posso, aspetto notizie su dell'oro." Quindi ho deciso di darci un taglio. Dovevamo arrivare all'apice del ridicolo. Ho escogitato un piano.

Gli ho scritto: "Solomon, dovremmo pensare alla sicurezza. Quando ci scriviamo, dobbiamo usare un codice." Lui era d'accordo. (Risate) Dissi: "Solomon, ho passato la notte a elaborare il codice da usare per ogni ulteriore comunicazione.

Avvocato: Orsetto Gommoso; Banca: Ovetto di Cioccolato; Legale: alla Coca Cola; Richiesta: M&Ms alle noccioline; Documenti: Gelatine alla frutta; Western Union: Lucertolone Gommoso." (Risate)

Sapevo che erano tutte parole del loro gergo, no? E poi: "Ti prego di chiamarmi KitKat in ogni ulteriore comunicazione." (Risate)

Non mi rispose, e pensai di aver esagerato. Così ho fatto qualche passo indietro. Gli ho scritto: "Solomon, siamo ancora in affari? KitKat." (Risate) Perché la coerenza è importante.

Poi mi ha risposto. Diceva: "L'Affare è ancora valido e sto cercando bla bla..."

Gli faccio: "Amico, devi scrivermi in codice!"

La mail successiva è la migliore che io abbia mai ricevuto. (Risate) Non scherzo, questo è ciò che ho trovato nella posta. Fu una grande giornata. "L'affare è ancora valido, sto cercando di tirare le somme per l'Orsetto Gommoso (Risate) così che possa presentare tutte le Gelatine Alla Cola necessarie all'Ovetto di Cioccolato, e dare inizio al processo di M&Ms alle noccioline. (Risate) Manda 1,500 sterline con un Lucertolone Gommoso. (Applausi)

Mi divertiva così tanto che mi sono chiesto: cosa succederebbe se passassi tutto il tempo a mia disposizione a rispondere a quante più truffe informatiche possibile? Ed è quello che ho fatto per tre anni, per conto vostro. (Risate) (Applausi) Succedono cose pazzesche quando cominci a rispondere a certe e-mail. È difficile, ma consiglio fortemente di farlo. Non credo di fare una cosa sbagliata.

C'è un sacco di gente crudele con i truffatori; io mi limito a sprecare il loro tempo. E penso che il tempo sprecato con me sia tempo che non passano a privare individui vulnerabili dei loro risparmi, no? E se avete intenzione di farlo, - e ve lo consiglio vivamente - createvi una mail fittizia, uno pseudonimo. Non usate la vostra. Io all'inizio l'ho fatto, ed è stato un incubo. Mi svegliavo al mattino con un migliaio di e-mail sull'allungamento del pene, e solo una era una risposta legittima... (Risate) ... a un mio quesito medico.

Ma una cosa voglio dirvela: ogni giorno è un buon giorno, quando ricevi una mail che inizia così: (Risate) "SONO WINNIE MANDELA, LA SECONDA MOGLIE DI NELSON MANDELA, EX PRESIDENTE DEL SUDAFRICA." Oh! Proprio quella Winnie Mandela! (Risate) Ne conosco così tante. "HO BISOGNO DI TRASFERIRE 45 MILIONI DI DOLLARI FUORI DAL PAESE PER VIA DELLE CONDIZIONI DI SALUTE DI MIO MARITO, NELSON MANDELA." Metabolizzate il tutto. Mi ha inviato questo, una cosa buffissima. (Risate) E questa, che sembra abbastanza seria, è una lettera di autorizzazione. Ma in realtà non c'è scritto niente, è solo una formina! (Risate)

Rispondo: "Winnie, sono molto dispiaciuto. Dato che Nelson è morto tre mesi fa, direi che le sue condizioni di salute sono piuttosto serie." (Risate) È la peggiore malattia che si possa avere, essere morti."

E lei: "LA PREGO DI RISPETTARE LE ISTRUZIONI DEL MIO BANCHIERE. ONE LOVE." (Risate)

Le faccio: "Certo. NO WOMAN, NO CRY." (Risate) (Applausi)

Lei mi fa: "AL MIO BANCHIERE SERVE UN BONIFICO DI 3000 DOLLARI. ONE LOVE." (Risate)

E io: "No problemo. HO SPARATO ALLO SCERIFFO. ( MA NON AL SUO VICE) ]" (Risate) Grazie. (Applausi)